41P/Tuttle-Giacobini-Kresák : la cometa verde di San Patrizio .

La cometa 41P/Tuttle-Giacobini-Kresak.

La cometa 41P/Tuttle-Giacobini-Kresak.

In queste sere , a cavallo tra Marzo ed Aprile , ricompare la cometa periodica 41P/Tuttle-Giacobini-Kresák.

 Fu scoperta il 31 maggio 1858 dall’astronomo statunitense Horace Parnell Tuttle e riscoperta successivamente da Michel Giacobini nel 1907 e Lubor Kresak nel 1951, ed appartiene alla famiglia delle comete gioviane , ossia di quelle comete la cui orbita ha un periodo inferiore ai 20 anni e che lontano dal Sole orbitano intorno Giove. Il suo periodo è di 5,4 anni e si presenta con una coda verde brillante essendo costituita principalmente da carbonio. Per questo , e per il fatto che ricompare a ridosso della tipica festa dedicata al patrono dell’Irlanda , è conosciuta anche come la cometa di San Patrizio .

La cosa che la rende particolarmente famosa fu un insolito comportamento che si poté osservare nel 1973. Per ben 2 volte la cometa aumentò di colpo la sua brillantezza. La luminosità dei corpi celesti si misura in Magnitudine , più è basso il suo valore, più il corpo celeste è luminoso. Tra il 26 e il 27 maggio 1973 la cometa aumentò la sua luminosità e la  magnitudine passò repentinamente da 8 a 4 per poi ridursi gradualmente fino a raggiungere a fine giugno il valore di Magnitudine 14. Il 7 Luglio , la Magnitudine di colpo si portò nuovamente al valore 4,5 e la cometa divenne nuovamente molto luminosa .

La traettoria della cometa 41P/Tuttle-Giacobini-Kresak.

La traettoria della cometa 41P/Tuttle-Giacobini-Kresak.

Quest’anno 41P è ricomparsa intorno il 20 marzo nella costellazione dell’Orsa Maggiore o Gran Carro. Il primo aprile ha raggiunto il perigeo , ossia il punto di minima distanza dalla Terra  , portandosi ad una distanza di circa 21,2 milioni di km dal nostro pianeta  per poi allontanarsi e dirigersi verso il Sole , posizionandosi nella costellazione del Dragone. Il 12 aprile 41/P raggiungerà il punto di minima distanza dal Sole , portandosi a 160 milioni di  km dalla Terra . Avvicinandosi di volta in volta alla nostra stella la sua folta chioma potrebbe evolversi in una lunga coda.

Attualmente la sua Magnitudine è 6 , leggermente al di sotto della soglia di visibilità ad occhio nudo ( Magnitudine 9 ) . Per osservarla basta quindi anche un piccolo binocolo . Anche se non si esclude che avvicinandosi al Sole possa aumentare la sua luminosità come già avvenuto in passato e diventare visibile anche ad occhio nudo.

41P/Tuttle-Giacobini-Kresák sarà quindi osservabile nelle prossime sere nella costellazione del Drago puntando a nord tra l’Orsa Maggiore e l’Orsa Minore e sarà visibile per tutta la notte anche se sarà più facile individuarla dopo le ore 24 poiché sarà più alta sull’orizzonte. Per osservarla al meglio bisogna posizionarsi in un luogo lontano da fonti di inquinamento luminoso e possibilmente prima del giorno 8 per evitare disturbi da parte della Luna in fase crescente. (l’ 11 di aprile la Luna sarà nella fase di piena quindi di massima luminosità.)

Posizione della cometa 41P/Tuttle-Giacobini-Kresak alla data del 08/04/2017.

Posizione della cometa 41P/Tuttle-Giacobini-Kresak alla data del 08/04/2017.

41P/Tuttle-Giacobini-Kresák : la cometa verde di San Patrizio .ultima modifica: 2017-04-04T00:17:53+02:00da dalvin1977
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento