Le Orionidi : la pioggia meteorica d’autunno .

In queste notti è possibile osservare nel cielo autunnale la pioggia di stelle delle Orionidi.

I detriti rilasciati dal passaggio di una cometa attratti dalla gravità della Terra generano lo sciame meteorico.

I detriti rilasciati dal passaggio di una cometa attratti dalla gravità della Terra generano lo sciame meteorico.

In termini astronomici parliamo dello sciame meteorico periodico originato dai detriti lasciati dal passaggio della Cometa di Halley .Questi detriti ,attratti dalla forza di attrazione gravitazionale della Terra ,entrano in atmosfera e per effetto della forza di attrito si incendiano emettendo spettacolari scie luminose il cui colore dipende dalla loro composizione chimica. Le scie sono dette meteore o comunemente stelle cadenti. La Terra durante il suo moto di rivoluzione intorno al Sole incontra tali residui a maggio, quando si origina lo sciame meteorico delle  Eta Acquaridi , e ad ottobre quando si origina lo sciame meteorico delle Orionidi .

Come in tutti gli sciami meteorici , il nome delle Orionidi deriva dal loro radiante , ossia dal punto della volta celeste dal quale sembrano provenire. Esso è posizionato poco più a nord di Betelgeuse,la seconda stella più luminosa della costellazione di Orione.

Mappa stellare per l'osservazione delle Orionidi.

Mappa stellare per l’osservazione delle Orionidi.

Le Orionidi sono attive dal 2 ottobre al 7 novembre visibili in entrambi gli emisferi ma è tra il 18 e il 23 ottobre che la Terra attraversa zone più dense di frammenti, regalandoci la pioggia più fitta con meteore giallo-verdi che sfrecciano alla velocità di 66 km/s .

Queste stelle cadenti lasciano scie molto persistenti . Alcune poi si frammentano dando vita ad uno spettacolo ancora più affascinante .

Il picco di massima intensità è previsto tra il 20 e il 21 ottobre e secondo una stima dell’Unione Astrofili Italiani saranno visibili fino a 30 meteore all’ora.

Per osservare al meglio l’evento astronomico come sempre bisogna posizionarsi lontano da fonti luminose e volgere lo sguardo verso est dopo la mezzanotte , quando il radiante sarà alto sull’orizzonte .

Quest’anno l’osservazione dell’evento sarà favorita dalla scarsa luminosità della Luna in fase crescente ed illuminata solo per il 14% . Ciò garantirà migliori condizioni di visibilità.

Pioggia meteorica.

Pioggia meteorica.

Per saperne di più sulle Eta Acquaridi leggi anche :

LE METEORE DI MAGGIO : LE ALFA SCORPIDI E LE ETA AQUARIDI .

Le Orionidi : la pioggia meteorica d’autunno .ultima modifica: 2020-10-13T21:32:19+02:00da dalvin1977
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento